Alexa, per errore l’assistente diventa una spia

Esattamente nel momento in cui il mondo degli assistenti vocali tenta di spiccare il volo, succede ciò di cui i gruppi interessati non hanno certo bisogno: un bug e una testimonianza che testimoniano come l’assistente possa diventare una spia seduta in salotto.Il caso è quello di una famiglia di Portland il cui dispositivo Echo ha iniziato a registrare audio […]

Elon Musk: giudicheremo i giornalisti con la Pravda

Cosa ne sarebbe della Verità se fosse semplicemente decisa a maggioranza? Come potrebbe essere percepita se fosse una sentenza, invece che un obiettivo a tendere? Come potrebbe essere plasmata, plagiata, deviata e violentata se ci fosse qualcuno a poterne impugnare le dinamiche? Ci si potrebbe soffermare a lungo su una riflessione di questo tipo, ma diventa cosa doverosa […]

WHOIS alla prova del GDPR

Con l’entrata in vigore del GDPR inizia un periodo nel quale molte consuetudini saranno messe alla prova del nuovo regolamento. Tra queste emerge anche il cosiddetto “Whois“, ossia quel servizio che consente di capire chi siano gli utenti che hanno registrato un dominio. Tale servizio, noto da tutti coloro i quali hanno già cercato se un dominio […]

Italia e USA, moniti contro le criptovalute

Le banche centrali iniziano a muoversi, tanto in Italia quanto negli USA, per imporre un regime più garantista al mondo delle criptovalute. Mentre in Italia si tratta al momento più di un monito, negli USA la SEC ha invece messo a segno un importante giro di vite fermando l’ICO della Titanium. In Italia Le parole di Ignazio Visco, […]

Tesla mostra il codice

Tesla distribuisce al pubblico il proprio codice e da adesso in avanti sarà possibile accedere in modo diretto e trasparente a parti di programmazione che regolano il funzionamento delle auto del gruppo. Non si tratta però di una iniziativa prettamente volontaria e spontanea, quanto una sorta di passo obbligato per rientrare nei paletti di un mondo open […]

Google: Don’t be evil, ma meno di prima

“Don’t be evil” era uno dei capisaldi dei codici di condotta aziendale di Google, un biglietto da visita che l’azienda mostrava a chiunque si avvicinasse al PageRank, al funzionamento di Gmail ed a molti dei miti su cui il gruppo è stato costruito dalle mani di Larry Page e Sergey Brin. Ma oggi il famigerato “Don’t […]